Coronavirus, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto “Cura Italia”

Nella nottata, è stato pubblicato, in un’edizione straordinaria della Gazzetta Ufficiale, il decreto legge 17 marzo 2020, N. 18, meglio noto come “Decreto Cura Italia”. Il provvedimento è costituito da 5 Titoli e 127 articoli: Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale. Misure a sostegno del lavoro: Estensione delle misure speciali in tema di ammortizzatori …

Interessi esattoriali dovuti anche in caso di sospensione della riscossione. A far data dalla notifica della cartella e non dal termine per la sua impugnazione.

In una controversia tributaria tra contribuente ed agente della riscossione la sentenza di appello, nel caso specifico della CTR della Toscana, aveva dichiarato che interessi ed aggi sono dovuti solo a decorrere dal sessantesimo giorno dalla notificazione della cartella e non dalla sua notifica. Il Giudice di appello aveva infatti ritenuto che gli interessi non …

Ne bis in idem sostanziale: per la Cassazione è possibile irrogare insieme sanzioni penali tributarie e sanzioni amministrative con valenza penale.

La Corte di Cassazione, Sezione Tributaria con la Ordinanza 16 dicembre 2019 n. 33050 (Pres. Cirillo, Rel. D’Orazio) si occupa del principio del “ne bis in idem” sostanziale, dandone una lettura che appare francamente contraria alle regole venutesi a determinare a livello comunitario. Per ciò che ricordavamo dello specifico tema, infatti, i riferimenti sono sia …

Diritto al rimborso IVA anche senza la presentazione del modello VR.

L’Ordinanza 11 dicembre 2019, n. 32424 della sesta sezione della Corte di Cassazione (Pres. Greco, Rel. Luciotti) si occupa del caso di un contribuente che, chiudendo la propria attività di impresa nell’anno 2000, aveva esposto il credito IVA a rimborso nella dichiarazione annuale (rigo RX4), ma non aveva poi presentato il modello VR come previsto …

Contraddittorio preventivo obbligatorio anche per gli accertamenti “misti” se c’è un riferimento agli studi di settore.

Nella complessa questione del contraddittorio endoprocedimentale preventivo come è noto figurano diversi riferimenti normativi e giurisprudenziali e diverse regole applicativi. Le norme interne specifiche, l’articolo 41 della Carta di Nizza per l’ambito dei tributi armonizzati e alcune sentenze che hanno fatto riferimento a specifiche procedure di accertamento con peculiari caratteristiche. E’ quest’ultimo il caso degli …

Il giudicato favorevole al contribuente nel giudizio contro l’agente della riscossione fa stato anche nel giudizio contro l’ente impositore.

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 31476 del 3 dicembre 2019 della Sezione Tributaria (Pres. Cristiano, Rel. Fanticini) affronta la questione relativa ad una società contribuente che aveva presentato ricorso avverso una cartella di pagamento a Milano, contro l’Agente della riscossione locale e parallelamente aveva chiamato in giudizio l’ente impositore a Roma. La CTP …

Reati tributari e patteggiamento: diverse posizioni della Cassazione in relazione alla necessità di preventiva estinzione del debito tributario.

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 48029 della III Sezione penale (Pres. Sarno, Rel. Gai) depositata il 26 novembre 2019 ha affermato che per i delitti di infedele dichiarazione e di omessa presentazione, come per i reati di omesso versamento, l’estinzione dei debiti tributari mediante integrale pagamento, da effettuarsi prima dell’apertura del dibattimento, …

Estensione del giudicato favorevole a un debitore in solido. Ma solo se relativamente a quest’ultimo non si è formato altro giudicato di segno opposto.

La Sentenza 19 novembre 2019, n. 29974 della Sezione Tributaria della Corte di Cassazione (Pres. Chindemi, Rel. Pepe) affronta il tema dei limiti di applicazione della estensione del giudicato favorevole al coobbligato prevista dall’articolo 1306 del codice civile. La questione di diritto sottoposta all’esame del Collegio investe il tema dei limiti soggettivi del giudicato tributario …

Avvocati del libero foro e Agenzia delle Entrate Riscossione: si pronunciano le Sezioni Unite.

Non di facilissima lettura la Sentenza delle Sezioni Unite civili della Cassazione n. 30008 del 19 novembre 2019 (Pres. Tirelli Rel. De Stefano) con la quale si interviene sulla rilevante questione relativa al patrocinio e alla rappresentanza in giudizio dell’Agenzia delle Entrate Riscossione. La Corte, dopo una approfondita esposizione delle differenti pronunce di legittimità, tratta della normativa da applicare …

Bonus energia anche per le società immobiliari ed anche per gli immobili merce.

Avevamo già parlato del bonus energia a favore delle immobiliari di gestione, ovvero della detrazione per spese di miglioramento degli edifici esistenti sotto l’aspetto del risparmio energetico (vecchio  55% poi 65%). La questione, interpretata “sistematicamente” dall’Agenzia delle Entrate con la negazione dell’agevolazione ai soggetti imprenditori in una celebre risoluzione (340/E del 1° agosto 2008) è …

Indennità per perdita di avviamento: non è un corrispettivo e non è soggetta ad IVA.

Nella pratica commerciale corrente si verificano casi  in cui vengono corrisposte delle somme in occasione di particolari eventi. E può risultare controversa (o almeno, nel caso specifico, lo è stata, visto il consolidarsi dell’orientamento di cui riferiamo) la natura e la conseguente imposizione tributaria relativa a tali pagamenti. Parliamo nello specifico della indennità per la …

La Cassazione conferma che non è dovuta IVA sulla “TIA 1”.

La Sezione Tributaria della Corte di Cassazione nella ordinanza 5 novembre 2019, n. 28371 (Pres. Manzon, Rel. Chiesi) respinge il ricorso dell’ente gestore del servizio di igiene ambientale improntato sulla imponibilità IVA del corrispettivo pagato a titolo di T.I.A.. Si tratta della cosiddetta T.I.A. 1 ovvero della tariffa di igiene ambientale prevista dall’articolo 49 del …

Fattura errata nella indicazione della qualità dei beni venduti e relativo accertamento da differenze inventariali: l’errore va provato documentalmente e non presunto.

Singolare ma da ritenere tutt’altro che infrequente il caso di un avviso di accertamento con il quale l’Agenzia delle entrate, a seguito di verifica in azienda, aveva contestato numerose violazioni di obblighi fiscali conseguenti all’avvenuta emissione di una serie di fatture, sulle quali erano stati indicati beni di qualità diversa (nello specifico kerosene) da quelli …

Competenza territoriale del Giudice tributario: la Cassazione precisa i criteri.

Nel processo tributario, qualora il contribuente impugni l’atto della riscossione coattiva facendo valere – esclusivamente o anche congiuntamente a vizi della cartella – vizi propri dell’atto presupposto asseritamente non notificato in precedenza, ai sensi dell’art. 4, comma 1, D.Lgs. n. 546 del 1992 la competenza territoriale spetta alla Commissione Tributaria Provinciale nella cui circoscrizione è …

Nulla la cartella di pagamento notificata dal Concessionario dopo la cancellazione dello stesso dal registro delle imprese per avvenuta incorporazione.

Oggi segnaliamo ai nostri lettori l’Ordinanza 28 ottobre 2019, n. 27425 della sezione filtro della Corte di Cassazione (Pres. Greco, Rel. Dell’Orfano) che tratta di un caso interessante e che potrebbe non essere del tutto isolato: quello di un contribuente vittorioso nei gradi di merito relativamente a una cartella di pagamento notificata da un concessionario …

Definizione della lite pendente ammessa anche per i ricorsi contro atti di liquidazione.

Ad ogni provvedimento di “condono” riguardante anche la definizione delle liti fiscali pendenti si ripropone sistematicamente la questione se sia ammissibile definire anche gli atti di semplice liquidazione. La normativa per la verità nel tempo è mutata, arrivando negli anni più recenti a definire un principio per cui anche l’impugnazione di atti di riscossione, quando …